Daniel Radcliffe ha recentemente rilasciato un’intervista al Los Angeles Times nella quale dichiara che la Warner Bros l’ha spesso contattato per poterlo coinvolgere nella promozione dei  i vari parchi a tema in Florida e Giappone e per eventuali futuri progetti potteriani. Tutte le dichiarazioni nell’articolo.

Daniel+Radcliffe+Premieres+NYC+ti0QbHE7X55x

Fonte: Snitchseeker

Togliersi di dosso un’etichetta come può essere quella di Harry Potter e farsi strada nel mondo del cinema dimostrando quello che vali indipendentemente dall’icona che sei diventato per milioni di fan non è mai facile; per Daniel lo è ancora di meno dal momento che la Warner Bros non aveva intenzione di mollare con lui pur di poterlo mostrare come “il prescelto” più a lungo possibile.

In occasione della promozione di What If, Daniel ha infatti dichiarato al Los Angeles Times che la major gli ha ripetutamente offerto di partecipare alla promozione dei due parchi a tema (i Wizarding World in Florida e Giappone) e che continua ad offrirgli la parte per un eventuale cammeo in “Animali Fantastici: Dove Trovarli” nonostante l’attore abbia ripetutamente negato ogni suo coinvolgimento.

Dovrò proprio fare due chiacchiere con la Warner Bros perchè continuo a rispondere “no” ad ogni loro offerta ma, a quanto pare, in America pensano che dire “no” significhi “voglio più soldi per farlo”.
Continuo a ripeterglielo, “No, non capite. Io semplicemente non sono a mio agio a dover indossare ancora la divisa fingendo di essere questo iconico personaggio che ho iniziato ad interpretare quando ero solo un bambino”.

Come Daniel anche Emma e Rupert hanno cercato il più possibile di allontanarsi dai rispettivi personaggi in modo da potersi fare strada nel campo del cinema e della recitazione in modo autonomo e privo di pregiudizi; volersi allontanare da un’etichetta che il mondo ti ha assegnato e desiderare essere di più che un solo personaggio è una sfida ardua ed è compito di ogni buon attore, questo non significa rinnegare tutto quello che è stato e questo il trio lo ha sempre ribadito spiegando come la propria esperienza nella saga di Harry Potter li abbia cresciuti e abbia aperto loro le porte per il loro futuro e per la loro carriera.

Quindi buona fortuna a tutti, buona fortuna Daniel!

Angie

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.