La Warner Bros. Interactive Entertainment ha annunciato oggi la nascita di una compagnia sussidiaria denominata Portkey Games.

Portkey Games darà ai fan di Harry Potter la possibilità di immergersi nel mondo magico per vivere avventure. I giochi saranno sia per console che per cellulari e avranno per protagonisti sia nuovi personaggi che volti molto familiari “in un momento diverso della propria vita” rispetto ai libri di Harry Potter.

HP_1200x628_TitleTreatmentSocial_5b2_5d

Il primo lavoro targato Portkey Games sarà Harry Potter: Wizards Unite il nuovo gioco per dispositivi mobili in realtà aumentata dedicato al mondo nato dalla mente di J.K. Rowling.

A sviluppare il gioco c’è la Niantic Labs, la compagnia dietro Pokemon Go, in collaborazione con la Warner Bros. Interactive Entertainment.

Il gioco permetterà di vivere avventure cercando creature magiche, incontrando personaggi iconici, scoprendo misteriosi oggetti e iniziando una carriera magica.

Una data di lancio non è stata ancora diffusa, ma vi terremo aggiornati.

 

1 risposta

  1. Antonio

    Speriamo non sia in stile Pokémon per cellulari e tablet vari, sarebbe riduttivo e scialbo.
    Inoltre potrebbe essere infantile e inutile se si pensa che avrà una funzione alla PokémonGO che ti induce a isolarti (e volendo potrebbe andare anche contro la filosofia della stessa Rowling, di Hogwarts, dove tutti si è di solito “uniti nello stesso tetto”, in un certo senso) catturando creature muovendosi per le strade della propria città e basta.
    Piuttosto sarebbe utilissimo un gioco online dove puoi creare un tuo avatar studente appartenente a una delle quattro casate e puoi interagire con altre persone nel mondo in un solo luogo come Hogwarts, facendo amicizia, trovare oggetti e inventando magie, magari. Una specie di Wizard101, per intenderci. Sarebbe molto più divertente oltre che utile!
    Chi non vorrebbe per la prima volta stare in una scuola come Hogwarts?
    Se non nella realtà, almeno perché non nei giochi?
    Speriamo facciano qualcosa di decente, che ci riflettano su, e non un qualcosa in stile Pokémon per cellulari.

    Rispondi

Rispondi