Le Fiabe di Beda il Bardo (The Tales of Beedle the Bard) è un libro scritto da J.K. Rowling nel 2007 e destinato ad un’asta di beneficenza vinta da Amazon i cui ricavati sono stati destinati alla Children’s High Level Group, ora Lumos, raccogliendo 1,95 milioni di sterline (per saperne di più visitate la nostra sezione); a partire dal 2008 è stata messa in vendita in ogni libreria e store online la copia tascabile di questo libro che riprende l’omonimo letterario che troviamo nei racconti della saga di Harry Potter.  

Le Fiabe di Beda il Bardo, infatti, è una raccolta di storie per bambini, l’equivalente magico delle favole babbane di Cenerentola o Cappuccetto Rosso, scritte appunto dal bardo Beda, classici che accompagnano l’infanzia e la crescita di ogni piccolo mago o strega.
Si parla del volume per la prima volta in Harry Potter e i Doni della Morte, dopo che la copia del libro di Albus Silente viene lasciata, secondo le sue volontà testamentaria, ad Hermione Granger; uno dei racconti contenuti in esso è infatti La Storia dei Tre Fratelli da cui proviene la leggenda dei Doni della Morte e che si tramanda di generazione in generazione, tra mito e realtà.

Il libro contiene più racconti scritti dalla Rowling stessa (ovviamente con lo pseudonimo di Beda) e sono Il mago e il pentolone salterio, La Fonte della Buona Sorte, Lo Stregone dal cuore peloso, Baba Raba e il Ceppo Ghignante e, infine, La Storia dei Tre Fratelli; ogni racconto ha una sua morale ed è commentato da niente di meno che Albus Silente in persona.